top of page
dan-schiumarini-dcL8ESbsGis-unsplash copy.jpg

Toscana. Investimenti in ricerca industriale e sviluppo sperimentale delle MPMI e Midcap.

Il bando mira a sostenere gli investimenti in ricerca industriale e sviluppo sperimentale delle imprese toscane, sostenendo la cooperazione tra micro, piccole, medie imprese e grandi imprese e tra imprese e organismi di ricerca, anche al fine di favorire la transizione ecologica.

 

Area Geografica: Toscana


Scadenza: Domande dal 24/01/2024 al 22/03/2024.


Dotazione finanziaria: € 49.295.119,86


Beneficiari: PMI, Micro Impresa

Possono beneficiare delle agevolazioni: 

  • Micro, piccole e medie imprese e Midcap, singole o in cooperazione (minimo tre MPMI, oltre a eventuali Midcap) in forma di ATS, RTI, Reti di imprese senza personalità giuridica (Rete-Contratto) ;

  • Organismi di ricerca aventi natura privata.

L’accesso al bando è esteso anche ai professionisti in quanto equiparati alle imprese come esercenti attività economica.

 

Spese finanziate: Attrezzature e macchinari, Innovazione Ricerca e Sviluppo, Consulenze/Servizi

Sono ammissibili i seguenti costi, sostenuti a partire dalla data di inizio progetto, convenzionale o anticipato, se direttamente pertinenti all’unità produttiva oggetto di intervento:

 

a) le spese di personale nella misura in cui è impiegato nel progetto di ricerca. Il costo del personale non impiegato direttamente in attività di ricerca industriale o sviluppo sperimentale rientra tra le spese generali (per es. personale adibito a funzioni di tipo amministrativo, commerciale, di magazzino e di segreteria);


b) costi degli strumenti e delle attrezzature nella misura e per il periodo in cui sono utilizzati per il progetto di ricerca e a condizione che gli stessi siano installati presso l’unità produttiva nella quale si svolge il progetto;


c) costi dei fabbricati e dei terreni nella misura e per la durata in cui sono utilizzati per il progetto di ricerca. Per quanto riguarda i fabbricati, sono considerati ammissibili unicamente i costi di ammortamento corrispondenti alla durata del progetto di ricerca. Per quanto riguarda i terreni, sono ammissibili i costi delle cessioni a condizioni commerciali o le spese di capitale effettivamente sostenute. I costi relativi ai fabbricati e ai terreni sono ammessi nel limite complessivo massimo del 30% del costo totale di progetto. I costi relativi ai terreni non possono superare il 10% del costo totale di progetto;


d) costi della ricerca contrattuale, delle competenze tecniche e dei brevetti, acquisiti o ottenuti in licenza da fonti esterne a prezzi di mercato, così come i costi dei servizi di consulenza e di servizi equivalenti utilizzati esclusivamente ai fini dell'attività di ricerca;


e) spese generali supplementari (fino ad un massimo del 15% dei costi diretti ammissibili per il personale);


f) altri costi di esercizio, inclusi i costi di materiali, forniture e prodotti analoghi (in ogni caso beni materiali), sostenuti direttamente per effetto dell’attività di ricerca, nel limite del 15% del costo totale di progetto. 

 

Agevolazione: Contributo a fondo perduto

L’importo totale del progetto presentato deve essere non inferiore a 250.000,00 euro e non superiore a 1.500.000,00 euro.

L’aiuto è concesso nella forma della sovvenzione in conto capitale secondo le seguenti tipologie:

  • sovvenzione diretta alla spesa;

  • sovvenzione per l’abbattimento degli interessi, riservata alle sole MPMI in una percentuale sull’ammontare degli interessi del prestito erogato.

 

L'entità dell'aiuto è così calcolata:

 

Sovvenzione diretta

Sovvenzione per l'abbattimento degli interessi

Micro e Piccola Impresa

35%

10%

Micro e Piccola impresa in cooperazione con altre imprese

45%

10%

Media Impresa

25%

10%

Midcap

25%

0%

Midcap in cooperazione con altre imprese

25%

0%

Organismo di ricerca

40%

0%

 

Se interessato scrivi a richieste@contributoutile.it oppure chiama il numero verde gratuito 800.600.878.




 

20 visualizzazioni0 commenti
bottom of page