• Contributo Utile

Magazzini automatizzati: quali rientrano in "Transizione 4.0"?



Sempre più utilizzati dalle aziende manifatturiere, scopriamo quali possono rientrare nelle Agevolazioni 4.0, e recuperare così dal 50% (al Nord) al 95% (al Sud).


Gli incentivi messi in campo nel piano Industria 4.0 sono molti, ma non è sempre ben comprensibile quali sono i requisisti necessari per ottenerli. Oggi faremo un focus sui magazzini automatizzati per comprendere bene quali sono i requisiti necessari per farli rientrare nel piano incentivi promosso dal Governo. A tal proposito bisogna far subito presente che, come emerge dalla circolare numero 4/E del 30 marzo 2017 dell’Agenzia delle Entrate, sono considerati magazzini interconnessi solamente tre tipologie di magazzini:

  1. sistemi di selezionamento, prelievo e deposito automatico controllati da software di gestione e/o il controllo delle scorte e dei punti di riordino;

  2. WMS per la gestione delle missioni in/out;

  3. magazzini automatici asserviti da traslo-elevatori o mini-loaders e software.

Bisogna altresì sottolineare che i magazzini devono soddisfare cinque caratteristiche, sia che questi siano autoportanti che interni, i requisiti sono:

  • integrazione automatizzata con la rete di fornitura o con il sistema logistico della fabbrica e/o con altre macchine del ciclo produttivo;

  • interfaccia uomo-macchina semplice e intuitiva;

  • rispondenza ai più recenti parametri di sicurezza, salute e igiene del lavoro;

  • controllo per mezzo di Computer Numerical Control (CNC) e/o Programmable Logic Controller (PLC);

  • interconnessione ai sistemi informatici di fabbrica con caricamento da remoto di part program e/o istruzioni.

A queste prime cinque caratteristiche si aggiungono ulteriori due requisiti, scelti all’interno di una rosa di tre attributi:

  • essere dotati di sistemi di telediagnosi e/o controllo in remoto e/o telemanutenzione;

  • sottoporre a monitoraggio continuo le condizioni di lavoro e i parametri di processo mediante opportuni set di sensori e adattività alle derive di processo;

  • avere caratteristiche di integrazione tra impianto e/o macchina fisica con la modellizzazione e/o la simulazione del proprio comportamento nello svolgimento del processo (sistema cyberfisico).

Quella proposta va considerata una guida di massima, aggiornata alla data di pubblicazione, per conoscere i dettagli dei requisiti consultare la normativa sui siti ufficiali del Governo.


Se stai pensando di acquistarne uno, oppure l'hai già acquistato negli ultimi 3 anni e non hai preso incentivi, scrivi una mail a richieste@contributoutile.it per avere una pre-analisi gratuita agli incentivi che spettano alla tua impresa.


fonte: logisticamente .it

66 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti