top of page
dan-schiumarini-dcL8ESbsGis-unsplash copy.jpg

Puglia. Investimenti per la redditività, la competitività e la sostenibilità delle imprese.

Il bando mira a migliorare la redditività, la competitività e la sostenibilità delle imprese agricole al fine di soddisfare i fabbisogni del settore agricolo che necessità di incrementare la competitività sul mercato, di valorizzare le produzioni agricole favorendo il miglioramento qualitativo delle stesse, la riduzione dei costi, l’occupazione e, al tempo stesso, di attuare processi produttivi sostenibili, creando un impatto positivo sull’ambiente mirando, in particolare, al più razionale e efficace utilizzo delle risorse naturali, attraverso un miglior utilizzo della risorsa idrica e alla produzione di energie da fonti rinnovabili in sostituzione delle fonti fossili.

 

Area Geografica: Puglia


Scadenza: Domande dal 12/02/2024 al 29/03/2024

 

Beneficiari: Micro Impresa, Grande Impresa, PMI

Possono essere beneficiari gli imprenditori agricoli, singoli o associati, con esclusione degli imprenditori che esercitano esclusivamente attività di selvicoltura e acquacoltura.

Nel caso di agricoltori associati, le Associazioni di agricoltori beneficiarie sono di seguito indicate:

  • le Organizzazioni di Produttori riconosciute ai sensi della normativa unionale, nazionale e regionale;

  • le Cooperative agricole di conduzione;

  • le Reti di Imprese o altre forme associate consentite dalle normative vigenti dotate di personalità giuridica.

 

Dotazione Finanziaria: La dotazione finanziaria ammonta a € 50.000.000,00.

 

Spese finanziate: Sono considerati ammissibili i seguenti investimenti:

·       costruzione ex-novo e ammodernamento di fabbricati rurali da utilizzare a fini produttivi agricoli e zootecnici e per lo svolgimento dell’attività agricola aziendale. Tali fabbricati devono essere ubicati in zona tipizzata agricola nel piano urbanistico generale comunale o nello strumento urbanistico vigente;

·       acquisto di macchinari nuovi e attrezzature, compresi i programmi informatici;

·       spese generali per consulenze e garanzie fidejussorie;

·       strutture aziendali di stoccaggio biomasse agricole;

·       investimenti per migliorare l’efficienza energetica degli edifici rurali produttivi agricoli;

·       impianti di colture arboree o assimilabili a ciclo produttivo poliennale;

·        ammodernamento degli impianti irrigui aziendali esistenti con impianti innovativi che favoriscono l’ottimizzazione dell’uso della risorsa irrigua;

·       realizzazione di nuovi impianti irrigui aziendali;

·       realizzazione di nuovi impianti irrigui aziendali innovativi con indice di efficienza irrigua non inferiore all’80%;

·       realizzazione di invasi di raccolta di acqua piovana di dimensione inferiore ai 250.000 mc., al fine di incrementare la disponibilità aziendale/interaziendale della risorsa idrica nei periodi di scarsità e di maggior emungimento per ridurre la pressione sulle acque di falda;

·       realizzazione/ammodernamento di strutture per la raccolta di acqua piovana (cisterne, vasconi, etc.) al fine di incrementare la disponibilità di risorsa idrica nei periodi di scarsità e di limitare l’emungimento e ridurre la pressione sulle acque di falda;

·       acquisto terreni agricoli per un massimo del 10% della spesa totale ammissibile per gli altri interventi proposti in progetto;

·       realizzazione/ammodernamento di strutture di stoccaggio dei prodotti agricoli aziendali;

·       interventi in filiera corta, ovvero costruzione ex-novo e/o ammodernamento di fabbricati rurali da destinare all’attività di lavorazione/trasformazione dei prodotti aziendali, compresi i locali per la vendita del prodotto finito, corredati di impianti, macchine ed attrezzature innovativi per la lavorazione/trasformazione di prodotti agricoli;

·       investimenti finalizzati al rispetto di requisiti di nuova introduzione, per un periodo massimo di 24 mesi dalla data in cui diventano obbligatori;

·       investimenti finalizzati al miglioramento del benessere animale.

 

Agevolazione: Contributo a fondo perduto

Il limite minimo del costo totale dell’investimento previsto nel Piano Aziendale non potrà essere inferiore ad €30.000,00 per progetti singoli e ad €100.000,00 per progetti collettivi, mentre quello massimo non potrà essere superiore ad €3.000.000,00 per progetti singoli e ad €4.000.000,00 per progetti collettivi, comprese le spese generali.

 

Tipologia Beneficiario

Tipologia area

Aliquota di sostegno

Agricoltore singolo

Zone soggette a vincoli naturali o ad altri vincoli specifici

40%

Altre zone

30%

Agricoltore singolo che conferisce ad associazioni di agricoltori o Associazione di agricoltori che presenta un progetto collettivo interaziendale

Zone soggette a vincoli naturali o ad altri vincoli specifici

60%

Altre zone

50%

Agricoltore singolo che presenta investimenti in filiera corta

Tutte le zone

50%

 

Se interessato scrivi a richieste@contributoutile.it oppure chiama il numero verde gratuito 800.600.878.



 




29 visualizzazioni0 commenti

Kommentare


bottom of page